Recuperare L’ora Dei Racconti

Joan Cary Marzo 15, 2018
Racconti in braille ampliano le opportunità di lettura
Kentucky
USA

If you start getting Braille Tales books when a child’s born, your child can have quite a library by the time they turn 6.

Maddie Horlander estrae i suoi libri preferiti dagli scaffali della biblioteca della sua scuola e li impila vicino alla sedia della mamma prima di intrufolarsi sul suo grembo.
“Llama Llama Gram and Grandpa” è il primo sulla pila, e anche se la precoce bambina di 5 anni non sa leggere le parole, sta facendo più che solo guardare le immagini.
Mentre la mamma di Maddie, Kristin, legge a voce alta, Maddie la segue, dall’alto al basso e da sinistra a destra, con le piccole dita che corrono sui puntini braille che accompagnano le parole stampate sulla pagina.

È un libro di Racconti in braille. Ciò significa che una persona vedente e una videolesa possono sedersi e leggere il libro insieme perché è scritto con parole sia stampate che in braille.

I Racconti in braille sono un’iniziativa della American Printing House for the Blind (APH - Casa editrice americana per i non vedenti) di Louisville, Kentucky, che ha il supporto dei Lions. Ogni mese, l’APH invia gratuitamente un libro specificamente selezionato con testo stampato e in braille a circa 1.500 bambini videolesi in tutti gli Stati Uniti e nei territori USA.

Bob Belknap, vice presidente per lo sviluppo dell’APH vorrebbe veder crescere tale numero. Lui incoraggia le famiglie ad iscriversi gratuitamente al programma perché i libri incoraggiano a leggere e aiutano nell’alfabetizzazione della prima infanzia, ma danno anche ai bambini non vedenti con genitori vedenti, o viceversa, l’opportunità di accoccolarsi e leggere insieme.

Maddie, un’alunna presso i Servizi di scuola materna per i videolesi (Visually Impaired Preschool Services - VIPS) a Louisville, non è cieca. È nata con un raro disturbo genetico chiamato aprassia oculomotoria che incide sulla sua visione periferica. I suoi occhi non si muovono abbastanza in fretta da mettere a fuoco a destra o a sinistra, quindi muove la testa in un movimento a forma di 8 per compensare.

Sta imparando il braille all’asilo, ma i suoi genitori non sono sicuri che leggerà in braille. Dai libri di Racconti in braille ha imparato che in una pagina leggiamo dall’alto verso il basso e da sinistra verso destra. Ha scoperto che non tutte le persone leggono allo stesso modo, e ha insegnato alla sorella maggiore come leggono alcuni dei suoi compagni di scuola.

A casa, Maddie ha circa 10 libri di Racconti in braille che le sono arrivati per posta dopo che la mamma l’ha iscritta al programma.

Sono grati per i libri, dice Kristin Horlander, perché i libri in braille per bambini si trovano raramente in librerie e biblioteche e non sono solamente pochi, sono anche costosi da acquistare.

Il programma Racconti in braille è iniziato quando una madre non vedente in Tennessee cercava libri braille in modo da poter leggere al figlio piccolo vedente. Suo figlio riceveva gratuitamente libri attraverso la Imagination Library (biblioteca immaginaria) di Dolly Parton, un programma molto noto che invia gratuitamente per posta ogni anno circa un milione di libri adatti a bambini di età inferiore ai 6 anni in tutti gli Stati Uniti, nel Regno Unito, in Canada e in Australia. Ma la madre non vedente non poteva leggere i libri al figlio.

Nel 2011, l’APH ha trovato un modo per risolvere il suo problema. APH, l’Imagination Library di Dolly Parton, e Penguin USA, che fornisce i libri, hanno lanciato insieme il programma Racconti in braille. Parton ha presentato il suo libro preferito “The Little Engine That Could”  - il primo libro dei Racconti in braille - ad un giovane lettore braille del Tennessee.  Ed entro il 2012, i primi 200 libri stampati e in braille erano stati spediti dall’APH a dei bambini in tutto il paese, con il contributo dei Lions Louisville Downtown.

Belknap dice che tramite una semplice procedura online le famiglie possono iscrivere al programma bambini videolesi di età 0-5 anni per ricevere gratuitamente ogni mese un libro. L’obiettivo dell’APH è di far ricevere quest’anno i libri a 2.000 bambini. Una donazione di 77 dollari paga per l’invio di libri a un bambino per un anno.
All’APH, uno specialista della lettura sceglie i libri adatti ai bambini videolesi dall’elenco dell’Imagination Library, poi li fa consegnare all’Istituto correzionale femminile del Kentuchy vicino a Louisville. Le detenute inserite nel programma braille capaci di trascrivere il braille - una competenza molto rivendibile quando escono dal carcere - applicano alle pagine le etichette trasparenti in braille.

Tramite il sito web dell’APH sono anche disponibili registrazioni audio di tutti i libri dell’Imaginary Library.

Il Lion Adam Ruschival, presidente del Lions club Louisville Downtown e diplomato dell’Istituto per non vedenti del Kentucky, dice che il club è felice di sostenere l’iniziativa dell’APH e i servizi VIPS che Maddie frequenta. I Lions sponsorizzano i VIPS da circa 30 anni.

Nel corso degli anni, anche Lions Club che vanno dal West Virginia al Wyoming, e dall’Illinois all’Alabama hanno fornito sostegno all’APH, dice Belknap. Ma i Lions del Downtown Louisville hanno sviluppato un rapporto di lavoro particolarmente saldo con i loro vicini.

Charles “Burt” Boyer, Lion di Louisville, in pensione dall’attività nel settore dell’istruzione ai non vedenti, è orgoglioso dei contributi del suo club. “Se inizi a ricevere i libri in braille quando tuo figlio nasce, questi avrà una nutrita biblioteca quando compie 6 anni”, afferma.

I Lions club interessati ad aiutare i bambini videolesi nella propria comunità tramite i libri dei Racconti in braille possono trovare ulteriori informazioni sul sito www.aph.org/brailletales.

Le più belle storie del mondo

Ogni mese la rivista LION pubblica delle storie emozionanti su come i Lions migliorano le condizioni di vita delle loro comunità e del mondo.

Leggi l’ultimo numero